THE MAGAZINE OF THOUGHTS, DREAMS, IMAGES THAT PASS THROUGH EVERY ART OF DOING, SEEING, DISCOVERING

21 February 2020

Flavia Filippi fotografa



Flavia Filippi
fotografa



Sopra al titolo: "Lago Maggiore". Qui sopra: "Partenze"


Le foto qui sopra e sotto al titolo sono state scattate sul Lago Maggiore. Lesa è la località di residenza dell'autrice. CASABELLA - Lago Maggiore è la casa nella quale vive e lavora. Ma Flavia Filippi non è una fotografa professionista. Il suo voler fissare in immagini quanto a volte la ispira poeticamente è frutto di una abitudine spontanea e saltuaria che da qualche tempo la vede impegnata a raccogliere le immagini scattate con il cellulare quanto prima finiva nel cestino. 



 Qui sopra: Venezia. Omaggio a Ozu


Dopo aver intuito l'interessamento per questo suo lavoro da parte degli amici di Facebook o di Instagram, semplicemente constatando il crescente numero dei "mi piace", le sue foto non vengono più cestinate, ma raccolte, classificate, catalogate. Sua figlia Aurora un giorno le ha ordinato 12 fotografie scelte da stampare in un calendario. Recentemente c'è chi le ha proposto di fare una mostra... 



 Qui sopra due foto, in alto: "Caravaggio". In basso: "Ideogrammi"


E' così che, un poco alla volta, lei si sente impegnata su un fronte nuovo ed inaspettato, passibile di futuro, ma anche legato ad una sua lontana formazione: Flavia infatti, che ha studiato Scienze Politiche ad indirizzo sociologico, una trentina d'anni fa si è laureata con una tesi dedicata alla professione di fotografo, raccogliendo interviste presso i più importanti nomi della fotograsfia italiana, tra cui Gabriele Basilico, Uliano Lucas, Marirosa Ballo (Studio Ballo), ed altri. La tesi è stata la prima di tal tipo in italia, realizzata in un periodo nel quale la professione non era ancora stata normata, e per lo svolgimento della quale non occorreva ancora dotarsi d'un preciso ordinamento.



 Qui sopra due foto, in alto: "Chiesa Vecchia a Belgirate". In basso: "Gothic Basel"


Come in questa breve presentazione tutte e fotografie di Flavia Filippi sono rigorosamente in B&N. Ma non è questa l'unica sua cifra. I temi che lei tratta sono di varia natura: paesaggi, scorci urbani fortemente angolati rispetto all'orizzontale, architetture e dettagli architettonici, nature morte, ecc. Ciò che più l'attrae di tali soggetti è la luce, che spesso viene trattata per forti contrasti, ed in presenza di intense e ben marcate ombreggiature. Una particolare sensibilità grafica, dal segno netto e ben inciso, che tutte le foto di Flavia rivelano senza equivoci, deriva dagli studi di lingua e cultura giapponese, fatti presso l'ISMEO (Istituto italiano per il Medio ed Estremo Oriente), negli anni in cui forte è stata in lei l'attrazione verso il cinema di Ozu.


Enrico Mercatali
21 febbraio 2020

No comments:

Post a Comment